Tre nuove condanne a morte in Giappone

Dopo le ultime esecuzioni dello scorso gennaio, sono state eseguite in Giappone tre nuove condanne a morte. Il Ministero della Giustizia ha infatti comunicato che sono state eseguite le condatte di tre persone: un cittadino cinese che ha ucciso tre connazionali a Kawasaki e due giapponesi che hanno commesso diversi omicidi. I tre sono stati impiccati a Tokyo e ad Osaka. Il cinese, che si chiamava Chen Detong, aveva 41 anni ed aveva commesso gli omicidi nel 1999. Uno dei due condannati giapponesi si chiamava Hiroshi Maeue, aveva 40 anni ed aveva ucciso nel 2005 tre persone ad Osaka. L’altro giapponese si chiamava Yukio Yamaji, aveva 25 anni ed aveva ucciso due sorelle nel 2005 a Osaka. Makoto Teranaka, responsabile giapponese di Amnesty International, ha espresso la sua protestato contro “questo grave atto che non può essere permesso mentre nel mondo si moltiplicano gli appelli per abolire la pena di morte”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: