Sfilata giapponese con stoffe italiane

Gli insegnanti della scuola giapponese di moda, Bunka Fashion College, da cui sono usciti stilisti come Kenzo e Yamamoto, hanno deciso di utilizzare stoffe provenienti da Prato, in Italia, che la famosa sfilata che ogni anno richiama più di 20.000 persone. Gli esperti della scuola nei giorni scorsi hanno visitato molte aziende di tessuti e filati di Prato ed hanno scelto vari tipi di stoffe, che saranno utilizzate per realizzare 110 capi, che sfileranno al saggio finale dell’istituto, che si svolge nel mese di novembre. Per lanuova edizione di Prato Italian Excellence, la Camera di commercio di Prato ha deciso di coinvolgere la prestigiosa scuola di Tokio, che dal 1923 prepara i stilisti di domani. Nel mese di novembre l’ente porterà in Giappone “dei prototipi elaborati dalle imprese del distretto, promuovendo così’ un laboratorio di innovazione, aggregazione e marketing sui mercati internazionali”. Finora la scuola di moda ha sempre utilizzato prodotti giapponesi. Gli esperti giapponesi hanno scelto stoffe di vario genere, dalla lana armaturata e la lana cachemire, a stoffe con percentuale di fibre di metallo fino al 60%, a jacquard con filati fantasia stampati e misti bouclé.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: