Allarme per la febbre suina

Anche il Giappone ha alzato il livello di allarme per la febbre suina che si è diffusa in Messico. Per arginare il pericolo di diffusione del virus, il governo ha infatti stabilito di rendere più severe le pratiche per concedere i visti a turisti messicani ed ha consigliato gli abitanti giapponesi di evitare viaggi nel Paese centroamericano o di rientrare al più presto se già si trovano lì. Il premier Taro Aso ha garantito che il Giappone farà “del suo meglio per tutelare la sicurezza della popolazione con controlli alle frontiere, maggiore informazione e collaborando in modo stretto con la comunità internazionale”. Il ministro degli Affari esteri Hirofumi Nakasone, per quanto riguarda la richiesta di sospendere i visti per i cittadini messicani, ha dichiarato: “Fa parte dei nostri sforzi per impedire al virus di entrare nel nostro paese”. Il ministro della Sanità Yoichi Masuzoe ha invitato i cittadini giapponesi “a rinunciare ai viaggi in Messico e in altri paesi colpiti”. L’agenzia di stampa Jiji ha diffuso la notizia che il governo ha intenzione di prenotare centinaia di camere d’albergo nelle vicinanze degli aeroporti internazionali del paese, nel caso in cui sia necessario mettere in quarantena passeggeri a rischio sbarcati in Giappone. Inoltre sono state messe a disposizione dosi di vaccini antivirali, Tamiflu e Relenza, che potranno servire a curare 8.000 malati potenziali a Tokyo in caso di epidemia. Molte aziende hanno annunciato di aver annullato viaggi di lavoro in Messico e negli Stati Uniti, finché il pericolo di diffusione del virus non sarà arginato. Ed è stata ritirata dal mercato la carne di suino giunta dal Messico nelle scorse settimane. L’ambasciata del Messico è stata costretta ad annullare un festival di musica messicana che si sarebbe dovuto svolgere i primi giorni di maggio, “a causa delle difficoltà riscontrate per far venire sul posto i musicisti”. E, per finire, a tutti i cittadini di “tenere lontana l’infezione facendo gargarismi, utilizzando mascherine, lavandosi le mani spesso ed evitando luoghi affollati”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: